Piasci

Al “Centon”

Centon,
uecc cum’è ‘l cucù,
piega dai agn,
mett uia ‘n mument i tÖ pensee de stracc
e cüuntum su uergutt de la tua primaverà luntana,
quan che ta serat fort e cien de uita
e cui rais ta sügauat i but
de cüi por disgraziàa de cuntadin.
Cüuntum sü de S. Bignin,
Quand che ‘l sa fermaua a la tua umbria
A sculà ‘n ciapel de uin.
Car ul me scciatt,
go ciü la forsa gna de bef la camamela
fam compagnia sa ta Ö,
ma lagum pusà.

Silvio Mufatti, 1981

Ai Piasci ci sono antiche piccole cantine medioevali, che hanno una profondità notevole, ove la temperatura è costante e il silenzio d’obbligo, componenti importanti per la formazione del buon vino.

Le cantine dei Piasci sono molto suggestive, con volte a botte, ed emanano un’ aria antica che sa di tempi andati basati sulla contemplazione e sul lento trascorrere del tempo.

Fa da guardiano alle stesse l’ormai milleneraio Centon”, un grosso castagno, quasi adagiato sui tetti delle cantine stesse, posto sulla piazzetta antistante il complesso delle costruzioni.

Alla sua ombra molte persone hanno sostato e sostano ancor oggi e qui, tra un sorso di buon vino appena spillato dalla botte e versato nel “mezz”, amano raccontarsi le storie di ieri e di oggi con accenti via via sempre più allegri e vivaci.


Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione Scopri di più | Accetta e chiudi